Al punto che, dopo che l’astro firmò per l’Espanyol, un club minore di Barcellona, io e i miei compagni di scuola per un attimo siamo stati sul punto di diventare tifosi di quella squadra che ci era indifferente e che giocava a 600 chilometri di distanza. Già adulto, mi hanno oltremodo intristito i ritiri di Mchel e Butragueo, il licenziamento di Ral, Guti e Casillas. Da adolescente ho vissuto come un dramma l’addio di Gento, l’unico calciatore ad aver vinto sei volte la Champions League e l’ultima nel 1966.

Archiviata l’ebbrezza di vincere un Golden Globe, ha assaporato l’emozione di una candidatura all’Oscar a soli 21 anni e si è cimentata anche nel ruolo di produttrice; qualche film in costume, un thriller degno di nota, ma soprattutto tante tante commedie romantiche che ci hanno fatto sorridere e commuovere.C’è quella che l’Oscar l’ha vinto ed ora ne raccoglie i frutti; chi l’ha sfiorato e continua ad impegnarsi in ruoli difficili; chi ha sempre fatto a pugni con l’impegno preferendo la commedia disincantata e chi, invece, vive in bilico tra i due mondi. Infine, c’è anche l’outsider, la protagonista che non ti aspetti.Sono cinque donne ma, soprattutto, sono le cinque attrice che animano la settimana della sala cinematografica: Helen Mirren, Kate Winslet, Kate Hudson, Anne Hathaway e Melissa Leo sbarcano in Italia o, almeno, nei cinema del Bel Paese, promettendo una settimana importante.Il viaggio di formazione è un tema suscettibile di sviluppo sul quale i registi hanno sovente costruito l’intera narrazione di un film. Variabile nelle partenze, negli arrivi nelle cause e negli effetti, il road movie formativo è stato abitato da ragazzi selvaggi in procinto di diventare grandi o soldati (Fandango), da donne e uomini in fuga alla ricerca di una salvezza (Fino alla fine del mondo), da gruppi e groupie in tournée scandite da canzoni e tradimenti (Almost Famous), da casalinghe disperate in credito d’avventura e d’amore (Thelma Louise) e da giovani autostoppisti sperduti decisi a ritrovare se stessi nelle terre estreme (Into The Wild).Sono percorsi diversificati quelli che il cinema in televisione ci fa intraprendere nella settimana in arrivo.

ANDREATTA C. (1954) La Val di Peio e la catena Vioz Cevedale. Acta Geol. When we started out each regiment was about 600 strong. Sometimes if we were passing through a tetse fly belt we rode all night, and I remember on one occasion at about midnight an overhanging branch knocked my Helmut off, not having used my chin strap, so I had to fall out and wait for dawn to see. I could picture myself if I couldn’t find it.