Clinton got in and got an even bigger bubble going. And then George W. Bush with the biggest bubble of all. Il principe azzurro, il ballo, il vestito. Della favola di Cenerentola ci piace tutto, scarpetta compresa. Fa quindi un po’ sorridere scoprire che sacrilegio! sul set del film Cinderella (atteso nelle sale il prossimo 12 marzo e di cui noi abbiamo visto l’anteprima) la protagonista Lily James non riuscisse a infilarsi la di cristàl scarpetta.

The Sun (2017)I simply couldn’t fathom how such a muddled take on healthy eating still had us in its thrall. Times, Sunday Times (2017)WE are constantly being reminded to eat less sugar and fat, so it is good there are some foods we can always eat more of. The Sun (2017)The most important thing is that they are eating healthily and exercising.

Nello spaccato per aree geografiche, il 48% del fatturato viene realizzato in Italia, mentre il restante 52% suddiviso tra Europa (29%) e Giappone, Stati Uniti e Corea (23%). Oggi l’azienda realizza il 48% del proprio fatturato in Italia, ma riteniamo osserva Benaglia che la suddivisione geografica dei ricavi possa raggiungere un diverso punto di equilibrio, con un 30% realizzato in Italia, un 30% in Europa e un 40% nel resto del mondo. Un obiettivo perseguibile in tempi brevi considerato che Giappone e Corea stanno crescendo a tassi del 50% all’anno ..

Just this week, that indispensable journalistic Web site TALKING POINTS MEMO reported that K Gates, an influential Washington lobbying firm, is alerting corporate clients on how to use trade associations like the Chamber of Commerce as pass throughs to dump unlimited amounts of cash directly into elections. They can advocate or oppose a candidate right up to Election Day, while keeping a low profile to prevent “public scrutiny” and bad press coverage. And media outlets already are licking their chops at the prospect of all that extra money to be spent buying airtime as much as an additional $300 million dollars.

Times, Sunday Times (2015)Prospects for a swift return to the grocery business aren’t looking good. Times, Sunday Times (2014)Luckily for the neighbours, the musical learning process was swift. Times, Sunday Times (2016)For example, a swift river current will undercut the outer bank of a meander.

Due storie corrono parallele sullo sfondo della Tokyo impassibile del 1984, apparentemente slegate l’una dall’altra eppure destinate a incontrarsi dopo gli innumerevoli avvicendamenti in montaggio alternato orchestrati dall’abile sceneggiatore Murakami Haruki. Che si rivela impeccabile nel dispensare in maniera omeopatica un piccolo indizio dietro l’altro, come molliche di pane sul sentiero, così da alimentare l’interesse del lettore su due vicende in cui davvero poco di sostanziale accade in oltre settecento pagine, e ci si perde semmai nei vertiginosi labirinti del passato di Tengo e Aomame. La scrittura appare però troppo algida, lenta, ingessata, il ricorso alla distopia mostra presto la corda come vuoto espediente di scena mentre la commistione tra noir e fantastico ha più il sapore dell’artificio irrisolto che non del colpo di genio assai spesso evocato (a vanvera) da critica e pubblico.