Insomma, “Stranger things” merita. Non è un capolavoro, ma per onestà dobbiamo ammettere che nemmeno, per esempio, “L’incendiaria”, il film tratto dal libro di King più citato nella serie, era poi questo granché. Anzi, uscito col titolo italiano (orrendo) “Fenomeni paranormali incontrollabili”, si rivelò subito una schifezza, mentre la serie dei fratelli Duffer si fa seguire con piacere, come si farebbe con l’ennesimo western ben fatto. That could well be his recognition of the fact that, one day, she will…