Nel medioevo la carola era una danza diffusa in tutta Europa sia in ambito popolare che aristocratico: il solista conduttore della danza cantava le strofe e sul ritornello intonato da tutti i partecipanti e avveniva la vera e propria danza, sia in cerchio che in fila ossia a catena. La lingua utilizzata era il volgare e non aveva propriamente carattere religioso cristiano, anzi la Chiesa considerava la carola uno strumento diabolico che ancorava la gente del popolo alle antiche tradizioni…